SOSAzienda®

SOSAzienda marchio registrato da gruppo Capitali e Idee Bv Filing number 007320583 la violazione del marchio comporterà una azione penale e civile senza alcun preavviso a carico dei soggetti coinvolti.

Dal 1997 opera in Italia nel campo della Consulenza Aziendale è un marchio registrato. Ci occupiamo di aziende in crisi perché vogliamo che l’Imprenditore sia sempre in grado di portare il suo contributo all’economia anche nei momenti difficili. Crediamo nella Serietà e Professionalità contattaci e parla con noi.

Tel. 02 82954300

Aspetti fiscali della liquidazione

Aspetti fiscali della liquidazione – L’apertura della liquidazione volontaria comporta l’obbligo di determinare il reddito di impresa, relativo al periodo compreso tra l’inizio dell’esercizio e l’inizio della liquidazione.
Il periodo d’imposta si divide così in due esercizi: quello precedente e quello successivo alla liquidazione.
I meccanismi di imputazione del reddito possono essere molto complessi. SOSAazienda assiste le imprese in difficoltà anche in questo tipo di adempimenti.

Come si imputa il reddito dell’impresa per i soggetti a contabilità ordinaria
Per procedere alla dichiarazione del reddito d’impresa è quindi necessario separare il reddito attribuibile alla fase di gestione ordinaria dell’impresa da quel imputabile alla fase di liquidazione della stessa. Altra importante classificazione è quella relativa alla natura del soggetto coinvolto. Per i soggetti a contabilità ordinaria, infatti, il reddito d’impresa relativo al periodo compreso tra l’inizio dell’esercizio e l’inizio della liquidazione è determinato in base a un apposito conto economico. Questo andrà redatto in conformità alle risultanze del conto della gestione, documento che gli amministratori presenteranno ai liquidatori. Il conto economico sarà riferito al periodo compreso tra la data di riferimento dell’ultimo bilancio d’esercizio e quella in cui i liquidatori entrano in funzione.

Come si imputa il reddito dell’impresa per i soggetti a contabilità semplificata
Per i soggetti a contabilità semplificata varranno invece le regole previste per le imprese minori (art. 66 del Tuir). Il calcolo del reddito relativo alla frazione di esercizio, nel caso delle imprese individuali, è comunque oggetto di un’apposita dichiarazione del liquidatore. Rientra tuttavia nel reddito complessivo del periodo di imposta nel corso del quale ha avuto inizio la liquidazione.

Il reddito di impresa prodotto durante la liquidazione
La determinazione del reddito di impresa prodotto durante la liquidazione è effettuata in via provvisoria o definitiva, a seconda della durata della liquidazione stessa. Avviene sulla base del bilancio finale di liquidazione, che spetta a ogni impresa redigere. Questo reddito si considera unitario, nel senso che il periodo necessario a concludere la procedura liquidatoria rappresenta un unico periodo di imposta.

Le diverse tipologie di imputazione del reddito
La determinazione del reddito dipende da alcuni fattori, che identificano tre diverse fattispecie a seconda di quanto dura la procedura. Vediamole.

La liquidazione nel corso del periodo di esercizio
La prima fattispecie si verifica se la liquidazione si chiude nel corso dello stesso periodo di esercizio in cui si è aperta. In questo caso il reddito imputabile a questa fase si determina in base alle regole ordinarie e avviene in via definitiva.

La liquidazione si protrae oltre il periodo di esercizio
La seconda fattispecie si riferisce all’eventualità che la liquidazione si protragga per tre esercizi, incluso quello iniziale, nel caso di imprese individuali o di società di persone. Nel caso di società di capitali, il limite degli esercizi sale a cinque. In questo caso il reddito degli esercizi intermedi è determinato in via provvisoria in base al rispettivo bilancio, salvo conguaglio in base al bilancio finale. Come si distribuiscono questi redditi intermedi? Nel caso delle società di persone i redditi saranno assegnati ai soci, mentre per le società di capitali saranno distribuiti ai soci a titolo di dividendi.

La tassazione separata per le società di capitali e le ditte individuali
Per le società di capitali e le ditte individuali è prevista la tassazione separata dei redditi accumulati nel corso della liquidazione, se l’impresa è in capo al titolare da più di cinque anni. Stesso regime è previsto per i redditi assegnati ai soci, se il periodo tra la costituzione della società e l’inizio della liquidazione supera i cinque anni.

La tassazione del residuo attivo
La disciplina della tassazione dell’eventuale residuo varia in relazione al socio che lo percepisce. Nel caso in cui percettori siano una persona fisica imprenditore o una società, le plusvalenze che derivano dal realizzo di partecipazioni e le somme percepite a titolo di distribuzione di riserve di utili sono esenti da tassazione, entro il 50,28% dell’ammontare.
Se invece il socio è una persona fisica non imprenditore, si configura come un utile di capitale. Questo si determina dalla differenza fra le somme o il valore normale dei beni percepiti e quello di sottoscrizione, e in questo eventuale conto vanno considerate anche le eccedenze che derivano dalle riserve di capitale.

La disapplicazione degli studi di settore
Per le imprese sottoposte a liquidazione, così come avviene per tutti quei soggetti che si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell’attività, vale il principio della non applicazione degli studi di settore. Ciò non comporta però l’esonero dall’obbligo di compilazione dei dati nei diversi quadri. Si tenga presente infatti che, secondo le istruzioni generali degli studi di settore, il periodo precedente la messa in liquidazione viene assimilato all’ipotesi di cessazione dell’attività. La causa di esclusione dagli studi di settore, per cessazione dell’attività, andrà quindi espressamente indicata.

Da SOSAzienda® un prezioso supporto per superare la crisi
Come abbiamo visto, la strada della liquidazione è molto complessa e richiede diversi adempimenti. Il pool di esperti di SOSAzienda® supporta le imprese in crisi anche sotto gli aspetti fiscali qui affrontati. L’impresa potrà così evitare di perdere know-how e competenze e riaffacciarsi sul mercato con una nuova attività.

 

 

Aspetti fiscali della liquidazione

SOSAzienda®
Chiama subito i nostri uffici

Aspetti fiscali della liquidazione

 

Liquidazione e scritture obbligatorie

Capitali e Idee consulenza mirata e soluzioni concrete per salvare le imprese in crisi finanziaria

Commercialista 2.0

Niente più scoperti sul conto corrente

Liquidazione Azienda, azienda in liquidazione, liquidare una società, società srl in liquidazione